Feed del blog

LA NASCITA DEL BLOG

Il blog “Cittadini blog PZ” nasce da un’idea della responsabile della biblioteca con la collaborazione degli alunni della 5B con lo scopo di confrontare idee e pensieri di tutti gli studenti dell’istituto “Da Vinci-Nitti” sulle tematiche attuali ma anche di studio permettendo di veicolare messaggi positivi e soprattutto di apprendere non solo attraverso lo studio tradizionale, ma anche attraverso strategie didattiche alternative.

Il nome “cittadini” è il risultato dell’anagramma tra i due importanti nomi che compongono la scuola: “Da Vinci” e “Nitti”, nella provincia di Potenza, per l’appunto “PZ”.

La biblioteca è invece il luogo principale in cui l’idea del blog ha avuto vita e la scuola possedendone una considerevole vuole accostare sempre più gli alunni a questo ambiente, rendendoli completamente partecipi. Infatti, questo blog raccoglie liberamente le idee dei suoi studenti con argomenti sia di carattere scolastico sia di carattere generale poiché l’apprendimento non deve per forza realizzarsi solo con i libri di testo. Inoltre, chiunque è libero di lasciare commenti ed opinioni a riguardo!

Il simbolo che caratterizza il blog è quello di una lampadina che sta a rappresentare il potere della conoscenza sottoforma di una “luce” nuova alimentata dalle idee degli studenti, ossia il logo della scuola.

Rosaria Pia Nardiello, Francesca Saluzzi, Rosa Pace. (classe 5B)

il logo della scuola nonché simbolo del blog.

Un’intervista “possibile”

La classe IV B durante l’anno scolastico 2018/2019 ha realizzato un contenuto multimediale simulando un’intervista mandata in onda durante una puntata del telegiornale regionale.

L’intervista trattava del brigantaggio e precisamente della storia, della sua vita giovanile e delle azioni compiute dal brigante lucano Carmine Crocco.

Protagonista del video un professore universitario, interpretato da C. Montesano, alunno della classe, che rispondeva ad alcune domande inerenti il ritrovamento del diario del giovane Crocco.

Dalle domande si sono estrapolate le motivazioni che l’hanno portato a compiere determinate scelte.